Cantiere sociale tiburtino su Vaccheria Nardi: basta con le farse!

La struttura non è ancora stata completata, visto che ancora rimane da completare gran parte dell’impiantistica interna

 

Dal Cantiere sociale tiburtino “deCOLLIamo”

Dalla vostra edizione online veniamo a conoscenza della cerimonia della consegna delle chiavi della Vaccheria Nardi alle istituzioni bibliotecarie da parte del presidente del V municipio Ivano Caradonna.

Riteniamo questo evento una vera e propria offesa al senso civico di un quartiere e di un intero municipio, in quanto la struttura non è ancora stata completata nonostante gli innumerevoli e costosissimi investimenti effettuati a suon di soldi pubblici. l’ultimo dell’ammontare di 1 milione di euro, senza grandi esiti tra l’altro, visto che ancora rimane da completare gran parte dell’impiantistica interna.

Come se non bastasse, pare che dei vari edifici della Vaccheria, alla biblioteca sia stato assegnato quello meno adatto, adornato com’è di grandi vetrate su tutte le pareti (si sa che alle biblioteche servono muri, più che finestre, se no le librerie dove si appoggiano?).

Ogni volta che abbiamo sollevato con forza il problema della biblioteca Caradonna ha sempre detto che finanziamenti e lavori non erano di sua competenza, ma ora si presenta a mettere in scena l’ennesima farsa, quando avrebbe potuto più dignitosamente convocare un appuntamento pubblico per illustrare come le cose si erano davvero svolte finora e condividere davvero in questo modo un insuccesso della pubblica amministrazione.

Prevale invece, come sempre, l’aspetto mediatico di stampo veltroniano, tutto fatto di lustrini e paillettes ma senza alcuna sostanza.
Ebbene: aspettiamo il presidente il 14, davanti alla Vaccheria, per dirgli che non ci siamo dimenticati di tutte le volte che ha alzato le spalle sulle responsabilità della questione ‘Biblioteca Mozart’…

Fonte: (Tratto da www.abitarearoma.net)

Cantiere sociale tiburtino su Vaccheria Nardi: basta con le farse!ultima modifica: 2009-01-08T17:48:00+01:00da mizio1267
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento